Modena-Festa Regionale della scherma

E’ merito di Alexei Efrosinin il settimo sigillo regionale. A Modena Alexei ha vinto il Campionato Regionale assoluto disputato in prova unica ed è stato particolarmente piacevole ritrovarlo sul gradino più alto del podio. Per una volta il dolore alla mano che lo tormenta da tempo ha concesso una tregua e Ali non si è fatto scappare l’occasione per dimostrare che le sue qualità sono intatte superando tutti gli avversari. Quasi fin troppo facile la vittoria in finale col ravennate Dirani e splendido vedere finalmente il suo sorriso sul podio. Presenti alla gara anche Andrea Gemelli, Oleg Mischenko, Dario Remondini e Iulius Spada tutti posizionati nella prima parte della classifica. Una menzione particolare per Dario che si è cimentato in due prove nella stessa giornata. Alla spada ha voluto affiancare il fioretto classificandosi brillantemente al secondo posto anche se quest’anno non l’aveva mai praticato. La finale contro lo specialista Romanin (Zinella) l’ha visto sconfitto di misura ma la sensazione è che con un pochino di allenamento e soprattutto un po’ più di abitudine avrebbe tranquillamente potuto vincere. A Modena si è disputato anche il Trofeo Coni, quest’anno riservato alla categoria ragazzi, che ha visto il nostro Alessandro Palazzi vincere la finale contro il modenese Bonelli conquistando così il diritto di partecipare alla finale nazionale. La Festa della Scherma è stata anche l’occasione per le premiazioni dei Campioni regionali under 14 che, come al solito, ha visto gli atleti del CSF farla da padrone. Cinque ipremiati in tuta rossa: Asia Vitali, Leonardo Cortini, Alessandro Palazzi, Federico Bagattoni e Filippo Bassi (fioretto). A questi cinque titoli vanno aggiunti quelli di Alexei e della squadra maschile (Genovese, Paolini, Sgubbi, Spada, Spazzoli) vinto quest’inverno a Piacenza. I sette titoli regionali, i due italiani (Cortini e Paolini) e il Gran Prix (Asia Vitali) fanno del Circolo Schermistico Forlivese anche quest’anno la società più titolata in regione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*